Gestione del traffico web in real time, le nostre soluzioni.

Costituisce ad oggi un mantra, il pensiero e la convinzione che le soluzioni tecnologiche siano le più accreditate e le più valide a soddisfare qualsivoglia necessità.

Ma attenzione, è fondamentale individuare le proprie esigenze ed analizzarle scrupolosamente per individuare la soluzione maggiormente perseguibile per il raggiungimento dell’obiettivo…non è raro un errore di strategia, ragion per cui è determinante lo step di analisi che preceda e che sia propedeutico allo sviluppo della strategia.

Nel nostro contesto, i chatbot sempre più smart, costituiscono una vera evoluzione, per la capacità di gestire contestualmente più richieste ed ottimizzare agli  ennesimi livelli i processi e le attività.

I chatbot possono essere “scritti” per molteplici scopi, hanno nella loro complessità un’enorme capacità di assistere e supportare le richieste, grazie proprio ad infinite mole di percorsi che è possibile creare,  lui, di conseguenza  (il chatbot) avrà quasi sempre una risposta automatizzata per ogni domanda/esigenza.

Creare un chatbot, per una specifica attività commerciale, sicuramente rende il sistema più “preparato” e conseguentemente più performante, basta aggiornalo con percorsi diversi di volta in volta, in base all’esperienza che lui stesso vive (le modifiche sulle risposte si attivano in base alle domande e richieste pervenute) ed avrà sempre risposte migliori e risolutive alle richieste presentate.

Poi esiste l’altra faccia delle medaglia.

Qual è stato l’aspetto che è più mancato durante il nostro lockdown, causato dal Covid-19?

La mancanza di cui abbiamo maggiormente risentivo?

Beh sicuramente le relazioni, i rapporti, quindi il fattore umano.

Il rapporto tra le persone, lo scambio di idee e pensieri, la volontà di volersi confrontare, l’esigenza di voler parlare con un interlocutore che ci ascolti, ha sicuramente rafforzato, ancor di più, la nostra idea, il nostro principio, di continuare ad investire nelle attività di customer care e generazione di lead per i nostri clienti, proprio con l’ausilio di persone.

Percepire la presenza di una persona, pronta ad assisterti, mentre si è in procinto di soddisfare un bisogno, tramite l’acquisizione di informazioni o mediante un acquisto è incommensurabile.

Quanto frequentemente capita di aggiungere prodotti al carrello, poi per un dubbio, anche banale, ma che non può essere soddisfatto in real time, decidiamo di soprassedere? Troppe volte!

E tu imprenditore, analizzando i dati del tuo e-commerce, ti sei mai chiesto il perché del fenomeno dei carrelli abbandonati? E soprattutto, quale potrebbe essere la strategia giusta per intercettare quel potenziale, comprenderne le motivazioni che concorrono al cosiddetto lasciamo perdere, ed incentivare un inversione di tendenza?

I quesiti sono davvero molteplici, d’altronde, quando entra in gioco la psicologia umana nulla è scontato.

Per soddisfare  i tanti interrogativi è necessario non improvvisarsi ed affidarsi a professionisti, cercando di riconoscere e schivare i tanti millantatori che pullulano, ahimè anche nel nostro settore. Ma questo aspetto lo affronteremo in modo approfondito al prossimo “spiegone”.

Tornando alla gestione del traffico della  nostra piattaforma web, è fondamentale affidarsi a personale preparato sul business del cliente, professionisti che conoscano  fattori e step del processo d’acquisto e che, collaborando con il loro project manager, acquisiscano in modo dettagliato gli aspetti salienti della strategia macro.

Essere coscienti di poter contare su una “persona” che risponda in chat per conto e per nome dell’azienda, rappresentata dal sito web,  che infonde fiducia, capace di mettere a proprio agio il cliente, che a sua volta, potrà contare su risposte vere e sull’imprescindibile aspetto empatico-relazionale, anziché su righe di codice scritte per un chatbot, ci entusiasma, ci motiva e ci spinge, sempre di più, verso questa direzione.

Non smetteremo mai di credere nel fattore umano, (nonostante un reparto sviluppo si occupi di progettazione chatbot) e reputiamo, in virtù dei risultati ottenuti su diverse decine di clienti, la nostra attività core, di gran lunga superiore, per le esigenze sino a qui affrontate.

Siamo concentrati, ora più che mai, sulla formazione dei nostri assistenti, sia nelle tecniche di ingaggio che in quelle di ascolto, per poi scaturire negli innumerevoli meandri della scrittura persuasiva, che in gran parte, è l’attività che nel marketing conversazionale, costituisce un differenziante ed un valore aggiunto sotto l’aspetto qualitativo.

Parliamoci, anzi scriviamoci chiaro…di soluzioni per gestire clienti e potenziali se ne trovano a bizzeffe, ma noi restiamo saldi sui nostri principi, con le nostre persone, le risposte non automatizzate, la voglia di avere una relazione vera, reale, che parte dal digital e termina con un caloroso saluto, semplicemente Intelligenza Umana nella Tua Chat.

 

#chat #customercare #realtimemarketing #ecommerce #leadgeneration #chatbot #marketingconversazionale

Lascia un commento:

Ultimi articoli

12

Ago
Digital Marketing

Il brand: gioie e dolori

Quanto è fondamentale il valore del brand, ma soprattutto di cosa parliamo? Il brand scaturisce dall’unione di elementi come storia dell’azienda, logo, comunicazione, slogan, nome, e costituisce, come menzionato da Philip Kotler e Gary Armstrong nel volume “Principi di Marketing“: tutto ciò che un prodotto o servizio rappresenta per i consumatori, ed è la risorsa più durevole […]

07

Ago
Digital Marketing

PERSONAL SHOPPER DIGITALE La figura più importante sul tuo e-commerce

Se sei un imprenditore digitale, possiedi un negozio online o acquisisci potenziali clienti con campagne pubblicitarie Online ti sarai chiesto “come posso convertire più traffico in clienti?”. Vedere tutti quei visitatori che hanno navigato sul tuo e-commerce fuggire via dopo pochi minuti di navigazione può essere frustrante. 1. Perché probabilmente quel traffico l’hai pagato con l’advertising (PPC)[…]