Chatbot no grazie, andiamo di intelligenza umana!

Una recente analisi di Marketing Land ha dimostrato come l’entusiasmo nei confronti dei chatbot stia andando a scemare. Una statistica che pone serissimi dubbi su quanto siano effettivamente utilizzati gli oltre 30mila bot comparsi come funghi su Messenger dall’ aprile 2016 a oggi, quando Mark Zuckerberg ha annunciato l’apertura a tutti gli sviluppatori della sua piattaforma di instant messaging.

La difficoltà dei chatbot è dimostrata anche dalla retromarcia compiuta da alcuni grossi marchi che avevano puntato su questo strumento: il negozio online Everlane ha da qualche mese annunciato di aver radicalmente limitato le funzionalità del suo bot, uno dei primissimi comparsi su Messenger, preferendo concentrarsi sulle email come strumento di marketing.

Il tradizionale fattore umano è, e sarà, la vera rivoluzione…

Lascia un commento:

Ultimi articoli

13

Nov
Covid-19, Customer Experience

La Customer Experience ai tempi del Covid.

La crisi pandemica ha senza dubbio spinto i brand a rivedere la loro comunicazione, soprattutto per quanto riguarda la customer experience dei loro clienti. Di questi ultimi sono mutate le esigenze e i comportamenti in funzione di una maggiore richiesta di sicurezza, e le aziende hanno dovuto sperimentare in breve tempo nuovi modelli di interazione al fine […]

02

Nov
Lead Generation

Un aiuto concreto

Quando si lavora ad una strategia di marketing il primo passo è mettersi dalla parte del cliente. Ciò vuol dire cercare di comprenderne i dubbi, le esigenze e tutto ciò che interviene nel processo decisionale di acquisto. L’obiettivo è fornire al cliente finale una soluzione concreta e possibilmente definitiva ad un suo problema oggettivo, ma affinché questi[…]